SENSIGRAFIE ( Prima parte Original Photo )

 

Nel Cinque-Seicento, un pittore che avesse voluto realizzare ritratti dei propri colleghi avrebbe corso il rischio di sentirsi oppure decisi dinieghi o, quantomeno, di essere bombardato da tante obiezioni stilistiche da stroncare ogni sua velleità.

Deve essere un’altra delle maledizioni della fotografia la docile arrendevolezza (quando non la compiaciuta complicità) con cui, invece, fotografi e gente di fotografia si abbandonano oggi all’obbiettivo ed alle sottili manipolazioni attraverso con cui Max Martino, un loro collega ironicamente degenere, realizza vere e proprie interpretazioni – “sensigrafie” lui le chiama _ di tipi e caratteri. Sembra quasi che - dimenticato il corrosivo potere della fotocamera di cui pure sono avvertiti utilizzatori – i soggetti di Max Martino siano attratti dall’indubitabile ( e per molti, profani irresistibile) fascino della “seconda esistenza”: quella capacità cioè che ha il procedimento fotografico di estrarre dal flusso dell’indistinto un frammento dell’accadere per trasformarlo in icona, cioè in un modello di realtà certificata e consegnata alla storia.

Se a ciò aggiungiamo quel tanto di perverso che è collegato all’aura dell’Arte (attraverso cui è comunque sempre possibile farla franca), possiamo più facilmente comprendere e giusticare, le “vittime” (o i complici?) di questo divertito e divertente divertissement di Max Martino che – non so con più ironia o più partecipazione- si è messo a fotografare e a manipolare (trent’anni dopo Franco Scheichembauer) facce di fotografi e gente di fotografia, dandoci una minigalleria di nicchia che la dice più lunga di una approfondita indagine sociale su quella gente che – anni fa – un sociologo allora poco noto ed oggi alla moda come Pierre Bourdieu definì felicemente praticanti dell’arte media. Tutte le immagini dei celebri fotografi, sono state scattate a Milano dall'autore Max Martino nel 1998, e riguardano la prima parte dell'opera. Successivamente, esattamente un anno dopo è stata realizzata sempre dall'autore, la seconda parte del lavoro  con una nuova interpretazione fluid abstract, sempre senza l'intervento di mezzi digitali, dando vita alle "Sensigrafie"...

Lanfranco Colombo

 

 

                                                              gianni berengo gardin 2

Gianni Berengo Gardin ( Fotografo )


                                                                                     

giuliana scime 1                        

Giuliana Scimè ( Critica di fotografia -Giornalista )

 

lanfranco colombo 2

 

Lanfranco Colombo  ( Gallerista - Critico Fotografico )

 

 

Basilico   

Gabriele Basilico ( Fotografo )

 

                                                                                                                                                gabrielebasilico 

 

Gabriele Basilico ( Fotografo )

 

gabriele

 

Gabriele Basilico ( Fotografo )

 

Ferdinando

 

Ferdinando Scianna  ( Fotografo )

 

scianna 

 

Ferdinando Scianna  ( Fotografo )

   giuliana traverso

 

Giuliana Traverso ( Fotografa ed insegnante di " Donna Fotografa " )

 

gianpaolo barbieri 2

 GianPaolo Barbieri ( Fotografo )

 

 

gianpaolo barbieri 5

 

GianPaolo Barbieri ( Fotografo )

 

gianpaolo barbieri 4                                

 GianPaolo Barbieri ( Fotografo )

 

giorgio lotti 1

Giorgio Lotti  ( Fotografo )

                                                   giovanni chiaramonte

Giovanni Chiaramonte ( Fotografo )

 

 

 

giovanni gastel 4

 

Giovanni Gastel ( Fotografo )

 

 

giovanni gastel 2                                   

Giovanni Gastel  ( Fotografo )

 

                                                                            joe oppedisano

 

Joe Oppedisano ( Fotografo )

 

maurizio calimberti

Maurizio  Calimberti ( Fotografo )

 

                                   maurizio rebuzzini

Maurizio Rebuzzini ( Direttore di "Fotographia")

 

      

kenny damy

 

Kenny Damy ( Fotografo - Gallerista )